Previous page | 1 | Next page

“The Following” Attenti, il serial killer non agisce mai solo

Last Update: 3/10/2014 4:00 PM
Author
Print | Email Notification    
2/1/2013 10:02 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

I serial killer ai tempi dei social network. Le sette, ai tempi dei social network. E insomma la tv, ai tempi dei social network. Che fa? Abbozza e accoglie. Ingloba i nuovi mezzi di comunicazione, li utilizza, li sceneggia. Vecchia signora di facili costumi ma non stupida, si adatta, e adatta il suo specifico artistico, che è la fiction: il recente debutto americano dell’attesissima serie Fox The Following , protagonista Kevin Bacon al debutto sul video, è stato seguito da 10 milioni di spettatori. In Italia si vedrà in anteprima domani su Premium Play (Mediaset), e poi da lunedì 4 su Premium Crime e su SkyUno, che ecumenismo. Gli americani hanno la mania dei serial killer. D’altronde, pare che ogni giorno ne siano in attività circa 300.

L’altro «topos», ovvero luogo comune delle serie Usa, è il fantasmatico, il vampiresco, l’orrorifico. E in The Following, ideato da Kevin Willamson, l’horror non manca di certo. Succede che fugga cruentemente di galera un serial killer, James Purefoy, cioè Joe Carroll, come l’autore Alice nel Paese delle meraviglie, guarda caso, affascinante professore di letteratura con il pernicioso pallino di Edgar Allan Poe, catturato da Bacon-Ryan Hardy, agente dell’FBI poi sospeso. E richiamato per l’occasione, nonostante nasconda il gin nella bottiglia dell’acqua minerale. Il professor killer deve terminare un lavoro: uccidere l’unica sua ex studentessa che gli sia sfuggita, diventata medico.

Di lì la trama comincia a incrociare l’ordito dei nuovi media: nessuno, o almeno molti, non sono quello che sembrano. Si fa orribile e tremenda la rete intessuta dal genio del male grazie ai social network e ai loro «follower», come in twitter. Sono suoi complici, e siamo soltanto all’episodio pilota, nell’ordine: una guardia carceraria; due ragazzi che si fingono per tre anni buoni, affidabili, vicini di casa gay della dottoressa da uccidere; la baby sitter del figlio del demonio, che ha pure una mamma ex fidanzata del poliziotto. La superfetazione della complicazione è labirintica e ossessiva, non a caso. Chissà perché nei telefilm americani tutti dicono sempre: «Non succederà niente, te lo prometto». Non gli hanno mai insegnato a non promettere, a non ipotecare il futuro? Infatti tanto più le promesse si mostrano vane quanto si scopre di avere di fronte il fanatismo ossessivo di una setta. Che si richiama a un Poe estrapolato e nefasto: «Orbare la bellezza è elevare la propria anima».

Tecnicamente ottimo, da notare i rapidi flashback che spiegano i fatti, il telefilm provoca però un moto di incredulità di fronte alla constatazione ovvia: ma questi sono tutti matti. Ha scritto il New York Times: The Following non utilizza lo humour e la comicità per mitigare l’orrore, banalizzando così il tutto». Ah, ecco cos’era.



di ALESSANDRA COMAZZI
Fonte
3/1/2014 11:17 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
killing zoe, 01/02/2013 10:02:

I serial killer ai tempi dei social network. Le sette, ai tempi dei social network. E insomma la tv, ai tempi dei social network. Che fa? Abbozza e accoglie. Ingloba i nuovi mezzi di comunicazione, li utilizza, li sceneggia. Vecchia signora di facili costumi ma non stupida, si adatta, e adatta il suo specifico artistico, che è la fiction: il recente debutto americano dell’attesissima serie Fox The Following , protagonista Kevin Bacon al debutto sul video, è stato seguito da 10 milioni di spettatori. In Italia si vedrà in anteprima domani su Premium Play (Mediaset), e poi da lunedì 4 su Premium Crime e su SkyUno, che ecumenismo. Gli americani hanno la mania dei serial killer. D’altronde, pare che ogni giorno ne siano in attività circa 300.

L’altro «topos», ovvero luogo comune delle serie Usa, è il fantasmatico, il vampiresco, l’orrorifico. E in The Following, ideato da Kevin Willamson, l’horror non manca di certo. Succede che fugga cruentemente di galera un serial killer, James Purefoy, cioè Joe Carroll, come l’autore Alice nel Paese delle meraviglie, guarda caso, affascinante professore di letteratura con il pernicioso pallino di Edgar Allan Poe, catturato da Bacon-Ryan Hardy, agente dell’FBI poi sospeso. E richiamato per l’occasione, nonostante nasconda il gin nella bottiglia dell’acqua minerale. Il professor killer deve terminare un lavoro: uccidere l’unica sua ex studentessa che gli sia sfuggita, diventata medico.

Di lì la trama comincia a incrociare l’ordito dei nuovi media: nessuno, o almeno molti, non sono quello che sembrano. Si fa orribile e tremenda la rete intessuta dal genio del male grazie ai social network e ai loro «follower», come in twitter. Sono suoi complici, e siamo soltanto all’episodio pilota, nell’ordine: una guardia carceraria; due ragazzi che si fingono per tre anni buoni, affidabili, vicini di casa gay della dottoressa da uccidere; la baby sitter del figlio del demonio, che ha pure una mamma ex fidanzata del poliziotto. La superfetazione della complicazione è labirintica e ossessiva, non a caso. Chissà perché nei telefilm americani tutti dicono sempre: «Non succederà niente, te lo prometto». Non gli hanno mai insegnato a non promettere, a non ipotecare il futuro? Infatti tanto più le promesse si mostrano vane quanto si scopre di avere di fronte il fanatismo ossessivo di una setta. Che si richiama a un Poe estrapolato e nefasto: «Orbare la bellezza è elevare la propria anima».

Tecnicamente ottimo, da notare i rapidi flashback che spiegano i fatti, il telefilm provoca però un moto di incredulità di fronte alla constatazione ovvia: ma questi sono tutti matti. Ha scritto il New York Times: The Following non utilizza lo humour e la comicità per mitigare l’orrore, banalizzando così il tutto». Ah, ecco cos’era.



di ALESSANDRA COMAZZI
Fonte



Questa serie è una delle più grandi delusioni mai viste. [SM=x44472]
Avevo cominciato a seguirla con entusiasmo per gli elementi su cui avrebbe dovuto basarsi (serial killer - E.A.Poe - social network), ma sono arrivata all'ultima puntata con l'intenzione di dare fuoco al pc. [SM=x44465] [SM=x44465]
Inutile, stupida e priva di senso. Ed è un peccato, perché se fosse stata sviluppata meglio sarebbe stata una serie coi controca**i!
OFFLINE
Post: 135
Registered in: 10/11/2013
Gender: Female

STAFF IPERCAFORUM



3/1/2014 5:42 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re:
rorina!, 01/03/2014 11:17:



Questa serie è una delle più grandi delusioni mai viste. [SM=x44472]
Avevo cominciato a seguirla con entusiasmo per gli elementi su cui avrebbe dovuto basarsi (serial killer - E.A.Poe - social network), ma sono arrivata all'ultima puntata con l'intenzione di dare fuoco al pc. [SM=x44465] [SM=x44465]
Inutile, stupida e priva di senso. Ed è un peccato, perché se fosse stata sviluppata meglio sarebbe stata una serie coi controca**i!




gli ingredienti solleticavano anche le mie aspettative, ma questo è il tipico esempio di come nonostante gli ottimi ingredienti, dosandoli male esce un aborto [SM=x44465]
3/2/2014 12:36 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re:
lady considine, 01/03/2014 17:42:




gli ingredienti solleticavano anche le mie aspettative, ma questo è il tipico esempio di come nonostante gli ottimi ingredienti, dosandoli male esce un aborto [SM=x44465]



Quando ho sentito di una serie tv dove c'erano un serial killer con la sua setta che uccidevano basandosi sui racconti di Poe, ho cominciato a sbavare come un cane di Pavlov. [SM=x44489] [SM=x44489]
.
.
.
.
.
.
.
E ringrazio di tutto cuore gli sceneggiatori per avermi fatto cambiare idea già dopo il quinto episodio [SM=x44491]
OFFLINE
Post: 439
Registered in: 4/30/2012
Gender: Male

Utente Power +



Vincitore del Concorso:
Cultura d'Autunno 2014
3/2/2014 10:58 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

la domanda è, com'è possibile che abbiano fatto una seconda stagione,
già la prima era un cesso pauroso!
3/2/2014 11:32 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
riccardo60, 02/03/2014 10:58:

la domanda è, com'è possibile che abbiano fatto una seconda stagione,
già la prima era un cesso pauroso!




Non ho avuto il coraggio di guardarla, ma dai commenti che leggo in giro, si sta rivelando anche peggio della prima stagione! [SM=x44459] [SM=x44472]
OFFLINE
Post: 156,611
Registered in: 2/28/2002
Gender: Male

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE



ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
3/2/2014 12:44 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re:
rorina!, 02/03/2014 11:32:




Non ho avuto il coraggio di guardarla, ma dai commenti che leggo in giro, si sta rivelando anche peggio della prima stagione! [SM=x44459] [SM=x44472]




Ma allora come si spiega? Forse che all'estero abbiani gusti molto diversi dai nostri? Possibile? [SM=x44466]

_________________


Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
OFFLINE
Post: 442
Registered in: 4/30/2012
Gender: Male

Utente Power +



Vincitore del Concorso:
Cultura d'Autunno 2014
3/2/2014 12:55 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re:
Etrusco, 02/03/2014 12:44:




Ma allora come si spiega? Forse che all'estero abbiani gusti molto diversi dai nostri? Possibile? [SM=x44466]



secondo me, avendo a disposizione due attori come kevin bacon e james purefoy, hanno provato ad insistere, poi chi lo sa, il pubblico è vasto.
3/2/2014 9:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Re:
riccardo60, 02/03/2014 12:55:



secondo me, avendo a disposizione due attori come kevin bacon e james purefoy, hanno provato ad insistere, poi chi lo sa, il pubblico è vasto.



[SM=x44458]

OFFLINE
Post: 98
Registered in: 9/9/2008
Location: MILANO
Age: 41
Gender: Male

Utente Power



3/7/2014 2:46 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Resiste ancora solo per il cast, ma è davvero una delusione.
OFFLINE
Post: 5
Registered in: 3/10/2014
Location: BERGAMO
Age: 37
Gender: Male


3/10/2014 4:00 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

killing zoe, 01/02/2013 10:02:

I serial killer ai tempi dei social network. Le sette, ai tempi dei social network. E insomma la tv, ai tempi dei social network. Che fa? Abbozza e accoglie. Ingloba i nuovi mezzi di comunicazione, li utilizza, li sceneggia. Vecchia signora di facili costumi ma non stupida, si adatta, e adatta il suo specifico artistico, che è la fiction: il recente debutto americano dell’attesissima serie Fox The Following , protagonista Kevin Bacon al debutto sul video, è stato seguito da 10 milioni di spettatori. In Italia si vedrà in anteprima domani su Premium Play (Mediaset), e poi da lunedì 4 su Premium Crime e su SkyUno, che ecumenismo. Gli americani hanno la mania dei serial killer. D’altronde, pare che ogni giorno ne siano in attività circa 300.

L’altro «topos», ovvero luogo comune delle serie Usa, è il fantasmatico, il vampiresco, l’orrorifico. E in The Following, ideato da Kevin Willamson, l’horror non manca di certo. Succede che fugga cruentemente di galera un serial killer, James Purefoy, cioè Joe Carroll, come l’autore Alice nel Paese delle meraviglie, guarda caso, affascinante professore di letteratura con il pernicioso pallino di Edgar Allan Poe, catturato da Bacon-Ryan Hardy, agente dell’FBI poi sospeso. E richiamato per l’occasione, nonostante nasconda il gin nella bottiglia dell’acqua minerale. Il professor killer deve terminare un lavoro: uccidere l’unica sua ex studentessa che gli sia sfuggita, diventata medico.

Di lì la trama comincia a incrociare l’ordito dei nuovi media: nessuno, o almeno molti, non sono quello che sembrano. Si fa orribile e tremenda la rete intessuta dal genio del male grazie ai social network e ai loro «follower», come in twitter. Sono suoi complici, e siamo soltanto all’episodio pilota, nell’ordine: una guardia carceraria; due ragazzi che si fingono per tre anni buoni, affidabili, vicini di casa gay della dottoressa da uccidere; la baby sitter del figlio del demonio, che ha pure una mamma ex fidanzata del poliziotto. La superfetazione della complicazione è labirintica e ossessiva, non a caso. Chissà perché nei telefilm americani tutti dicono sempre: «Non succederà niente, te lo prometto». Non gli hanno mai insegnato a non promettere, a non ipotecare il futuro? Infatti tanto più le promesse si mostrano vane quanto si scopre di avere di fronte il fanatismo ossessivo di una setta. Che si richiama a un Poe estrapolato e nefasto: «Orbare la bellezza è elevare la propria anima».

Tecnicamente ottimo, da notare i rapidi flashback che spiegano i fatti, il telefilm provoca però un moto di incredulità di fronte alla constatazione ovvia: ma questi sono tutti matti. Ha scritto il New York Times: The Following non utilizza lo humour e la comicità per mitigare l’orrore, banalizzando così il tutto». Ah, ecco cos’era.



di ALESSANDRA COMAZZI
Fonte



Come per alcuni di voi, anche per me è stata una delusione questa serie. Prima puntata con ottime credenziali, fino ad un declino sempre più netto alla fine della prima stagione. Questa seconda, è partita con delle belle premesse, ma non vedo una svolta per quanto rigurda la trama. Il cast invece è di qualità, almeno quello
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:24 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com

IperCaforum il forum degli ipercafoni e delle ipercafone