printprintFacebook

IperCaforum il forum degli ipercafoni

New Thread
Reply
 
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Laggiù nell' Alabama

Last Update: 5/20/2019 9:04 PM
OFFLINE
Email User Profile
Post: 267
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/17/2019 12:08 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

A mio avviso, Dom Pérignon, la vera domanda da farsi … quindi, da intendere e da capire …, sia da parte dei Cristiani cattolici, o di altra confessione, o di religione monoteista, o di credi religiosi diversi e sia da parte dei laici d’ideologie differenti, o di dichiarato Ateismo, non è da indirizzare sull’opinione personale che ognuno può liberamente avere, nel caso specifico, sull’“aborto”; ma piuttosto è una domanda da focalizzare alla fonte, cioè:
- esiste o no una Legge Etica Morale comune a tutti e insita nell’Ordine della Natura umana e nel divenire naturale delle cose?
Da qui, dipende tutto il resto di regresso o di progresso dell’Uomo inserito nella comune società umana quanto a leggi e norme, quindi, dei suoi costumi, delle sue usanze e dei … via dicendo!

Inoltre, tu saprai anche meglio di me, Dom Pérignon, che per quanto riguarda i cattolici in senso lato – ossia, non distinti tra praticanti o meno -, è imperativo seguire quel punto fermo della Dottrina Sociale del Magistero Petrino secondo il quale la coerenza del credente … e ripeto: Cattolico … non può prescindere dai valori “non negoziabili” sulle varie questioni accennate, di cui l’aborto con le sue varie casistiche.

In questo senso, allora, esiste un problema sostanziale ma dopo il ’68 accettato tacitamente nella forma. Questo è un problema serio e tuttora irrisolto anche in Italia. Esso è stato posto, non dal Cattolicesimo in quanto, tale, ma dall’ideologismo catto-comunista (e aggiungo volentieri: catto-capitalista) che nulla ha a che fare col cristianesimo cattolico, se non di essere stato usato in funzione del pragmatismo convenzionale al sistema socio politico della Sinistra e della sua cultura neo-illuminista. Essa ha, di fatto, “relativizzato”, come ha ben saputo rimarcare l’umile ed eccellentissimo Teologo Ratzinger, questi valori “non negoziabili”.
Perciò, si è arrivati al paradosso, che continua tuttora, per cui si crede che i politici e i militanti di Sinistra (e aggiungo volentieri: certa parte del Liberismo di Destra), non siano solo cristiani bensì addirittura “cattolici” praticanti i quali, però, favoriscono allo stesso tempo la vasta gamma dei disvalori. Si ha così l’accettazione al disvalore della clonazione, della sperimentazione in vitro. Con la scusante della falsa emancipazione, si ha la condiscendenza alle devianze contro natura, quali la bisessualità, l’omosessualità fino alla convivenza o presunta “famiglia” di coppia di stesso sesso con l’abominio delle adozioni di bambini innocenti, quindi, si approva la liberazione dell’edonismo, della pederastia e dell’assassinio legalizzato con l’aborto, con l’eutanasia, con il suicidio assistito, etc, etc.

Come ho già detto e ancora ribadisco, il cammino al vero “progresso”, sia nelle Americhe, sia in Europa, sia in Italia e sia nel restante Pianeta, è ancora lungo, difficile e parecchio insidioso. Al contempo, tuttavia, con la sparizione degli storici delinquenti (ovvero di quelle brutte copie di cattivi e malvagi condottieri, monarchi e papi … iniziati nell’antichità quali Alessandro Magno, Cesare, Enrico VIII, i mascherati da Pontefice di Santa romana Chiesa, etc … ai tanti altri dell’era moderna, di cui Napoleone, Hitler, Stalin, Mao … nonché a quelli da venire) e il ripresentarsi degli autentici Nobili, sia quelli passati, quelli presenti e quelli futuri spogli di qualsiasi armata e grande chiasso (e quanti di esempi belli e sublimi ne è ricca l’Umanità!) un tale Progresso, è ancora ampiamente possibile da attuare …

[SM=x44461] [SM=x44462]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 16,102
Registered in: 8/3/2014
Location: MONZA
Age: 54
Gender: Male

Utente Power



Vincitore del Concorso:
Iper Spettegules 2015
IperUtente 2015
5/17/2019 4:00 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
Etrusco, 16/05/2019 20.40:




Non è semplicemente così: una donna può rimanere incinta anche in conseguenza di un reato, nonostante lei fosse fortemente contraria a quello stupro. Potrebbe non essere un semplice sbaglio.

Comunque, secondo me, la scelta di un aborto è una cosa che nessuna donna prende con leggerezza, dovrebbe essere una scelta sofferta e ben meditata. In ogni caso dovrebbe essere una scelta personale, dietro consiglio di medici, psicologi e consultori vari, ma la scelta finale dovrebbe spettare solo alla donna e alle persone a lei più care che le stanno vicino.



"""""una donna può rimanere incinta anche in conseguenza di un reato, nonostante lei fosse fortemente contraria a quello stupro. Potrebbe non essere un semplice sbaglio.""""""


quello è scontato Etrù ci mancherebbe altro, stuprata da un nero e ti becchi il figlio nero che non volevi, sembra una minchiata ma la donna bisogna vedere come la pensa

che poi queste sono le prime storie dove quasi in qualsiasi posto si pratica l'aborto quando la donna stuprata risulta incinta dalle analisi

La Scienza ha dato un optional alla essere umana, perché non sfruttarlo ?

che poi dico sempre, saranno cazzi suoi o no ?

C'è chi per averli fa inseminazioni artificiali con ovuli altrui, c'è chi decide di disfarsene perché è arrivato per sbaglio e non si vuole tenerlo

Il Mondo gira cosi e ognuno ha il suo modo di pensarla





OFFLINE
Email User Profile
Post: 5,836
Registered in: 4/30/2012
Gender: Male

Utente Power +



Vincitore del Concorso:
Cultura d'Autunno 2014
5/17/2019 9:25 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Parlare di progresso con persone che vogliono impedire una donna di abortire è semplicemente demenziale, il vero progresso è quando ognuno è libero di scegliere senza che gli venga imposto, tutto il resto sono stronzate da medioevo.

Una donna vuole abortire lo fa' e basta, qualunque sia la conseguenza di tale azione è una decisione che spetta solo a lei e dirò di più, senza andare nelle forzature del tipo, stupro o altri tipi di gravidanze indesiderate, direi che neppure il marito o compagno che sia, ha diritto a porre il veto su una questione come questa.
OFFLINE
Email User Profile
Post: 191,363
Registered in: 2/28/2002
Gender: Male

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE



ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
5/18/2019 12:05 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
pliskiss, 17/05/2019 16.00:



quello è scontato Etrù ci mancherebbe altro, stuprata da un nero e ti becchi il figlio nero che non volevi, sembra una minchiata ma la donna bisogna vedere come la pensa

che poi queste sono le prime storie dove quasi in qualsiasi posto si pratica l'aborto quando la donna stuprata risulta incinta dalle analisi

La Scienza ha dato un optional alla essere umana, perché non sfruttarlo ?

che poi dico sempre, saranno cazzi suoi o no ?

C'è chi per averli fa inseminazioni artificiali con ovuli altrui, c'è chi decide di disfarsene perché è arrivato per sbaglio e non si vuole tenerlo

Il Mondo gira cosi e ognuno ha il suo modo di pensarla









Nel nostro modo di ragionare sembrerà pure scontato, ma t'assicuro che ho conosciuto catto-talebani che questi principi proprio non li vuole accettare [SM=x44464]


riccardo60, 17/05/2019 21.25:

Parlare di progresso con persone che vogliono impedire una donna di abortire è semplicemente demenziale, il vero progresso è quando ognuno è libero di scegliere senza che gli venga imposto, tutto il resto sono stronzate da medioevo.

Una donna vuole abortire lo fa' e basta, qualunque sia la conseguenza di tale azione è una decisione che spetta solo a lei e dirò di più, senza andare nelle forzature del tipo, stupro o altri tipi di gravidanze indesiderate, direi che neppure il marito o compagno che sia, ha diritto a porre il veto su una questione come questa.



A patto però che l'aborto sia una scelta matura e consapevole, non dovrebbe essere visto come metodo contraccettivo. [SM=x44461]

_________________


Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
OFFLINE
Email User Profile
Post: 273
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/18/2019 12:07 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… è assodato che la scelta di abortire o no, spetta unicamente alla donna incinta.
Così è altrettanto assodato che, abortire o no, è una scelta personale e di coscienza, tale da non doverla giustificare o motivare a chicchessia. Fossero i genitori, il fidanzato, il marito, il compagno occasionale o fisso; o fossero i terzi di vario grado tra parenti, medici, amici, conoscenti, estranei etc.
O fosse lo stesso Padreterno.
… altrimenti non esisterebbe il libero arbitrio.

Sì, dunque, la scelta della gestante di continuare o no la propria gravidanza, è esclusivamente sua … conditio sine qua non … salvo che … salvo che … … … allora …

[SM=x44461] [SM=x44462]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 274
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/18/2019 12:37 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… e sempre, in tutti i casi, anche di stupro e violenza subita, la “conditio sine qua non” è la paura.
… a volte è l’interesse spicciolo, la comodità; è sono giovane e trombo quando e come voglio senza dover niente a nessuno, se poi la pillola non funziona, non c’è problema.

[SM=x44462] [SM=x44461]

OFFLINE
Email User Profile
Post: 275
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/18/2019 11:18 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… giacchè la donna diventa madre nel momento in cui si unisce sessualmente col suo partner, o per sbaglio o per subita violenza, e inizia quel processo spontaneo di fecondazione finalizzato alla naturale formazione del nascituro,
allora,
la “conditio sine qua non” per cui la madre decide di interrompere la gravidanza, cioè, di assassinare subito il proprio nascituro o dopo mesi di gestazione, non è più una scelta dettata dal proprio “libero arbitrio”,
bensì,
dall’obbligo imposto dalla paura!
… che infine riporta sempre alla “Paura” originaria: quella di morire … morire a se stessi …
È il “morire” in tutte le sue varie forme, fino a quella drastica e ineluttabile: fisica.

[SM=x44462] [SM=x44461] [SM=x44462]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 191,364
Registered in: 2/28/2002
Gender: Male

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE



ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
5/18/2019 11:47 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
AlcibiadeR, 18/05/2019 00.07:


… è assodato che la scelta di abortire o no, spetta unicamente alla donna incinta.
Così è altrettanto assodato che, abortire o no, è una scelta personale e di coscienza, tale da non doverla giustificare o motivare a chicchessia.




Ecco, non c'è bisogno d'aggiungere altro. [SM=x44462]

_________________


Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
OFFLINE
Email User Profile
Post: 5,837
Registered in: 4/30/2012
Gender: Male

Utente Power +



Vincitore del Concorso:
Cultura d'Autunno 2014
5/18/2019 2:59 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
Etrusco, 18/05/2019 00.05:





A patto però che l'aborto sia una scelta matura e consapevole, non dovrebbe essere visto come metodo contraccettivo. [SM=x44461]




A meno che non si tratti di minorenni inconsapevoli, o incapaci di prendere tale decisione, in quel caso l'aborto dovrebbe essere d'obbligo, nessuno può arrogarsi il diritto di imporre una gravidanza indesiderata.



OFFLINE
Email User Profile
Post: 16,108
Registered in: 8/3/2014
Location: MONZA
Age: 54
Gender: Male

Utente Power



Vincitore del Concorso:
Iper Spettegules 2015
IperUtente 2015
5/18/2019 4:05 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
Etrusco, 18/05/2019 00.05:




Nel nostro modo di ragionare sembrerà pure scontato, ma t'assicuro che ho conosciuto catto-talebani che questi principi proprio non li vuole accettare [SM=x44464]


riccardo60, 17/05/2019 21.25:

Parlare di progresso con persone che vogliono impedire una donna di abortire è semplicemente demenziale, il vero progresso è quando ognuno è libero di scegliere senza che gli venga imposto, tutto il resto sono stronzate da medioevo.

Una donna vuole abortire lo fa' e basta, qualunque sia la conseguenza di tale azione è una decisione che spetta solo a lei e dirò di più, senza andare nelle forzature del tipo, stupro o altri tipi di gravidanze indesiderate, direi che neppure il marito o compagno che sia, ha diritto a porre il veto su una questione come questa.



A patto però che l'aborto sia una scelta matura e consapevole, non dovrebbe essere visto come metodo contraccettivo. [SM=x44461]



catto-talebani?

i pretacci in Italia [SM=x44450]

è come dire che uno tiene ad una squadra ed è impossibile che la cambia

hanno le loro idee ma c'è la legge 194 e si attaccano a stò cazzo

una ragazza che l ha fatto mi ha detto che c'è la Suora che ti tratta di merda da far schifo e sembra che stai andando a rubare

questione di una giornata e poi la Suora non la vedi più

Se si vuole si mette al mondo, se non si vuole nei termini di Legge si stoppa tutto, logicamente se non si hanno le intenzioni bisogna cercare di stare attenti

La Chiesa deve pensare a pregare è il loro lavoro
[Edited by pliskiss 5/18/2019 4:06 PM]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 277
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/18/2019 4:29 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… difatti, caro Etrusco, è ben per questa tua ragione (al tuo dire: le cose stanno così, punto e basta!), che in Alabama l’aborto è diventato fuorilegge anche in caso di stupro o incesto.
… è la “Paura” che bisogna sconfiggere, affinchè il libero arbitrio della gestante, già mamma volente o nolente, abbia il suo giusto percorso nella cosciente ragionevolezza … pure quella di chi ha trombato una tizia, condiscendente, ma poi se ne frega altamente se essa rimane incinta con i conseguenti problemi, giacchè, il dongiovanni fedifrago, è già sposato e con prole. …

il libero arbitrio, dunque, va insegnato e imparato!

… quindi, e intanto, affinché pure in Alabama ci si accorga che il vero problema è sempre e soltanto la “Paura”, è stato aggiunto il deterrente di un’altra “paura” più chiassosa e appariscente.

… e a livello globale, ancora una volta sono i fatti a dimostrarlo:
- perché sussiste tuttora la Pace a livello planetario (a prescindere dal terrorismo e dalle decine di guerre locali lasciate a se stesse per interesse di lucro etc, etc) se non da quella maggiore paura iniziata 74anni fa col deterrente dell’atomica a Hiroshima e Nagasaki?

[SM=x44461] [SM=x44462] [SM=x44461]

OFFLINE
Email User Profile
Post: 278
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/18/2019 5:34 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
… ovviamente, la nuova legge antiabortista entrata in vigore anche in Alabama è una strada sicuramente sbagliata. Non perché penalizza l’aborto, ma perché usa la stessa prepotenza e lo stesso sopruso con cui la madre uccide il suo indifeso e innocente nascituro.
… e d’altronde, il pragmatismo e l’opportunismo imperanti dicono che: al male peggiore, è meglio quello minore.

[SM=x44462] [SM=x44461] [SM=x44462]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 191,381
Registered in: 2/28/2002
Gender: Male

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE



ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
5/19/2019 12:03 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
pliskiss, 18/05/2019 16.05:

ma c'è la legge 194
una ragazza che l ha fatto mi ha detto che c'è la Suora che ti tratta di merda da far schifo e sembra che stai andando a rubare

questione di una giornata e poi la Suora non la vedi più

Se si vuole si mette al mondo, se non si vuole nei termini di Legge si stoppa tutto, logicamente se non si hanno le intenzioni bisogna cercare di stare attenti

La Chiesa deve pensare a pregare è il loro lavoro




Quella suora a cui ti riferisci immagino che sia un'operatrice dei consultori pre-aborto, purtroppo sono gestiti male. Come ti ha raccontato quella ragazza esercitano pressioni psicologiche inaccettabili per una donna che già soffre di suo per la scelta che ha maturato, non ha di certo bisogno di sentirsi colpevolizzare ulteriormente.

_________________


Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
OFFLINE
Email User Profile
Post: 16,109
Registered in: 8/3/2014
Location: MONZA
Age: 54
Gender: Male

Utente Power



Vincitore del Concorso:
Iper Spettegules 2015
IperUtente 2015
5/19/2019 1:07 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote


che poi

un medico che lo pratica a questo punto non lo troverai mai perché rischia l'ergastolo

In Italia

Cosa è ancora vietato


Oltre alla fecondazione eterologa per donne single e coppie omosessuali, resta in vigore il divieto di maternità surrogata, che consiste nel ricorrere a una donna esterna alla coppia per portare avanti la gravidanza. In questo caso, l'embrione ottenuto dalla coppia o con fecondazione eterologa viene impiantato nell'utero di un'altra donna. In alcuni paesi la pratica è utilizzata nel caso in cui la donna non possa portare avanti una gravidanza oppure da coppie omosessuali.



Mia cugina è andata in Spagna ed è tornata con 2 gemelline, per la manutenzione è dovuta ritornare in Spagna, le gemelline sono belle sane e crescono


Se in Alabama una donna vuole abortire basta cambiare Stato

ce né un sacco dove puoi interrompere la gravidanza senza problemi
[Edited by pliskiss 5/19/2019 1:08 AM]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 279
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/19/2019 1:41 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… forse - dico forse - senza volerlo, Etrusco, hai centrato il problema, per cui anche in Alabama la maggioranza “pro life”, ha fatto si che sia stata introdotta la legge antiabortista, affinchè sia fermata la legalizzazione all’omicidio.

… e il punto l’hai centrato nel momento in cui affermi che la donna incinta “… non ha di certo bisogno di sentirsi colpevolizzare ulteriormente”, quando, secondo il tuo giudizio, sarebbe già stata sufficientemente tartassata da suore e da consultori mal gestiti, anziché, sostenuta da suore professioniste e da personale coscienzioso con consultori che non incoraggino all’aborto ma alla vita …

… per l’appunto, la gestante non abbisogna d’esser “ulteriormente” pressata, giacchè, ormai mamma, sa già perfettamente da sè che sarebbe colpevole di un grave delitto se dovesse abortire. Cioè, se dovesse compensare la propria insuperabile paura – perché questo è il problema vero: la paura di morire – commettendo un omicidio, piuttosto, che fare la scelta libera e consapevole d’amore – che significa anche sacrificio - per il proprio innocente e indifeso nascituro.

… “ma io faccio quello che voglio e se decido di abortire lo faccio”. Punto! Certo che lo puoi fare … privatamente, ci mancherebbe! Ma oggi, anche in Alabama non puoi più farlo pubblicamente e se si scopre che hai assassinato il tuo nascituro, sei penalizzata perché hai infranto la Legge … Punto!

… c’è un dato di fatto inconfutabile, e non è un caso per cui la maggioranza degli Stati d’America sia antiabortista, cioè, per la verità e la giustizia, quindi, in favore della vita, dal suo inizio nel grembo materno, alla sua naturale fine ...

[SM=x44462] [SM=x44461] [SM=x44462]
[Edited by AlcibiadeR 5/19/2019 1:50 AM]
OFFLINE
Email User Profile
Post: 16,110
Registered in: 8/3/2014
Location: MONZA
Age: 54
Gender: Male

Utente Power



Vincitore del Concorso:
Iper Spettegules 2015
IperUtente 2015
5/19/2019 2:59 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
AlcibiadeR, 19/05/2019 01.41:


… forse - dico forse - senza volerlo, Etrusco, hai centrato il problema, per cui anche in Alabama la maggioranza “pro life”, ha fatto si che sia stata introdotta la legge antiabortista, affinchè sia fermata la legalizzazione all’omicidio.

… e il punto l’hai centrato nel momento in cui affermi che la donna incinta “… non ha di certo bisogno di sentirsi colpevolizzare ulteriormente”, quando, secondo il tuo giudizio, sarebbe già stata sufficientemente tartassata da suore e da consultori mal gestiti, anziché, sostenuta da suore professioniste e da personale coscienzioso con consultori che non incoraggino all’aborto ma alla vita …

… per l’appunto, la gestante non abbisogna d’esser “ulteriormente” pressata, giacchè, ormai mamma, sa già perfettamente da sè che sarebbe colpevole di un grave delitto se dovesse abortire. Cioè, se dovesse compensare la propria insuperabile paura – perché questo è il problema vero: la paura di morire – commettendo un omicidio, piuttosto, che fare la scelta libera e consapevole d’amore – che significa anche sacrificio - per il proprio innocente e indifeso nascituro.

… “ma io faccio quello che voglio e se decido di abortire lo faccio”. Punto! Certo che lo puoi fare … privatamente, ci mancherebbe! Ma oggi, anche in Alabama non puoi più farlo pubblicamente e se si scopre che hai assassinato il tuo nascituro, sei penalizzata perché hai infranto la Legge … Punto!

… c’è un dato di fatto inconfutabile, e non è un caso per cui la maggioranza degli Stati d’America sia antiabortista, cioè, per la verità e la giustizia, quindi, in favore della vita, dal suo inizio nel grembo materno, alla sua naturale fine ...

[SM=x44462] [SM=x44461] [SM=x44462]







generalmente chi abortisce non fa mai passare un mese, in pratica non c'è un cazzo. logicamente più la donna aspetta e più sente che ha dentro qualcosa

prima si fa se si deve fare meglio è, il resto sono tutti moralismi del cazzo di gente che non si fa i cazzi suoi

In teoria l'embrione è mio e me lo gestisco io, in pratica invece ci stanno tanti rompi coglioni con loro idee e paternali del cazzo che lo devi tenere per forza, pure se è Handicappato che già si vede prima


Rifiuta l'aborto a una donna incinta di feto malformato: licenziato direttore dell'ospedale

ogdan Chazan, il direttore dell'ospedale pubblico di Varsavia, è stato rimosso dal suo incarico dal sindaco della città per aver rifiutato di praticare un aborto per motivi religiosi a una donna il cui feto presentava gravi malformazioni. Un portavoce del municipio ha spiegato: "un dottore può rifiutare di praticare aborti per motivi religiosi ma un ospedale pubblico non può".

La donna si era presentata all'ospedale di Varsavia e, dopo il rifiuto, aveva cercato un'altro ospedale pubblico dove abortire a quel punto però aveva superato di cinque giorni il termine legale per gli aborti i 24 mesi(qui hanno sbagliato 24 settimane). La donna aveva quindi dato alla luce il bambino il 30 giugno e lo stesso era morto 9 giorni dopo.

Nella cattolica Polonia l'aborto è consentito entro un periodo di 12 settimane nei casi di gravidanza per stupro o per incesto e di 24 settimane nei casi di malformazioni fetali irreversibili o di minaccia alla vita della madre.

Secondo le stime della Federazione Polacca per le donne e la pianificazione familiare, in Polonia vengono effettuati dai 500 ai 700 aborti legali l'anno mentre gli aborti illegali sono sui 150.000 scrive Nowa Trybuna Opolska

bella la religione

gli ha fatto portare avanti una gravidanza per un neonato malformato, la mamma partorisce e dopo 9 giorni il bimbo muore [SM=x44462]

forse alla religione piacciono queste cose



Se si vuole si porta avanti, se non si vuole si elimina


finche si è in tempo non c'è niente





OFFLINE
Email User Profile
Post: 191,382
Registered in: 2/28/2002
Gender: Male

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE



ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
5/19/2019 9:55 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
pliskiss, 19/05/2019 02.59:

Rifiuta l'aborto a una donna incinta di feto malformato: licenziato direttore dell'ospedale

ogdan Chazan, il direttore dell'ospedale pubblico di Varsavia, è stato rimosso dal suo incarico dal sindaco della città per aver rifiutato di praticare un aborto per motivi religiosi a una donna il cui feto presentava gravi malformazioni. Un portavoce del municipio ha spiegato: "un dottore può rifiutare di praticare aborti per motivi religiosi ma un ospedale pubblico non può".

La donna si era presentata all'ospedale di Varsavia e, dopo il rifiuto, aveva cercato un'altro ospedale pubblico dove abortire a quel punto però aveva superato di cinque giorni il termine legale per gli aborti i 24 mesi(qui hanno sbagliato 24 settimane). La donna aveva quindi dato alla luce il bambino il 30 giugno e lo stesso era morto 9 giorni dopo.

Nella cattolica Polonia l'aborto è consentito entro un periodo di 12 settimane nei casi di gravidanza per stupro o per incesto e di 24 settimane nei casi di malformazioni fetali irreversibili o di minaccia alla vita della madre.

Secondo le stime della Federazione Polacca per le donne e la pianificazione familiare, in Polonia vengono effettuati dai 500 ai 700 aborti legali l'anno mentre gli aborti illegali sono sui 150.000 scrive Nowa Trybuna Opolska

bella la religione

gli ha fatto portare avanti una gravidanza per un neonato malformato, la mamma partorisce e dopo 9 giorni il bimbo muore [SM=x44462]

forse alla religione piacciono queste cose



Se si vuole si porta avanti, se non si vuole si elimina


finche si è in tempo non c'è niente









Non solo nella bizzarra Polonia succedono queste cose, ma anche qui da noi sono troppi gli obiettori di coscienza, persino tra i farmacisti, dove non si dovrebbe impedire un farmaco pur consentito dalle leggi vigenti, solo perchè è in contrasto con le opinioni personali del farmacista. Negli ospedali qui da noi è diverso: i medici preferiscono iscriversi tra gli obiettori di coscienza anche per questioni di carriera: infatti chi non fa l'obiettore viene relegato a fare tutti quegli aborti che gli altri non vogliono fare, quindi non ha possibilità di imparare altro, specializzarsi e far carriera, oltre che inimicarsi alcuni primari per motivi ideologici o religiosi.

Quanto al determinare da quando in poi non si può più abortire, in alcuni stati considerano da quando inizia a sentirsi il battito cardiaco del nascituro.

_________________


Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
OFFLINE
Email User Profile
Post: 280
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/19/2019 11:26 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… non le ipotesi campate in aria, ma contano i fatti, … e questi sono costituiti dalle Leggi vigenti! Punto!

se dunque, un ginecologo anziché rifiutare l’aborto in un ospedale pubblico di Parigi lo avesse rifiutato a Montgomery, anche a una quattordicenne incinta un’ora dopo che, consenziente, si è fatta chiavare per “sbaglio”, o perché violentata dal padre, o dallo stupratore occasionale, o dal prete della sua parrocchia, sarebbe stato promosso a Ministro della Sanità dello Stato di Alabama.

… per lo Stato dell’Alabama, infatti, tutto il resto non conta assolutamente nulla, c’è prima una regolare Legge nazionale da rispettare. Punto! … a cominciare dalla ragazza minorenne da penalizzare quand’anche assassinasse il proprio nascituro, sebbene la scienza non lo consideri tale non prima di un certo periodo di gestazione che, invece, mezzo minuto dopo l’atto procreativo, la Natura procede con regolarità allo sviluppo progressivo dell’embrione già “Persona” a tutti gli effetti … o se la stessa ragazzina è stata violentata dal delinquente mascherato prete, pure pedofilo. e che gli ha lasciato un feto malformato etc, etc …

… ma qua e là, insomma sti preti, ste suore, sta religione arcaico-medioevale, sti consultori prepotenti, sti diritti civili calpestati, ste minoranze emarginate, l’omofobia, la ricomparsa del neonazismo, i rigurgiti del razzismo, il ritorno del ku klux klan etc, etc, etc …
… in Alabama, tutto ciò è zero assoluto!

… altro fatto primario in Alabama, è che tutti devono rispettare la “obiezione di coscienza”, iniziando dal primario e dai medici sui quale è irrilevante se lo fanno per carriere o per moralità … o casomai, motivati dalle stesse ragioni per cui la ragazza incinta è rimasta tale perché accondiscendente di farsi chiavare senza le dovute precauzioni, quindi, per un consapevole rischio di “sbaglio” … tanto sono tutelata dall’aborto di buttare nel cestino, assassinare, il mio nascituro … quindi la “obiezione” è da rispettare se fatta dall’ultimo farmacista o anche da un qualsiasi cittadino.

… poiché tutti indistintamente, minoranze comprese, devono rispettare la Legge … Punto!

[SM=x44462] [SM=x44461] [SM=x44461] [SM=x44461] [SM=x44462]

OFFLINE
Email User Profile
Post: 5,838
Registered in: 4/30/2012
Gender: Male

Utente Power +



Vincitore del Concorso:
Cultura d'Autunno 2014
5/19/2019 4:28 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re: Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …
Etrusco, 19/05/2019 09.55:




Non solo nella bizzarra Polonia succedono queste cose, ma anche qui da noi sono troppi gli obiettori di coscienza, persino tra i farmacisti, dove non si dovrebbe impedire un farmaco pur consentito dalle leggi vigenti, solo perchè è in contrasto con le opinioni personali del farmacista. Negli ospedali qui da noi è diverso: i medici preferiscono iscriversi tra gli obiettori di coscienza anche per questioni di carriera: infatti chi non fa l'obiettore viene relegato a fare tutti quegli aborti che gli altri non vogliono fare, quindi non ha possibilità di imparare altro, specializzarsi e far carriera, oltre che inimicarsi alcuni primari per motivi ideologici o religiosi.

Quanto al determinare da quando in poi non si può più abortire, in alcuni stati considerano da quando inizia a sentirsi il battito cardiaco del nascituro.




Quelli da noi non sono veri obiettori di coscienza, sono ipocriti e basta.

Il vero obiettore è colui che mette davanti la libertà di scelta dei pazienti disobbedendo a leggi criminali che ricordano quelle naziste.
OFFLINE
Email User Profile
Post: 283
Registered in: 3/26/2019
Gender: Male


5/19/2019 6:24 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Laggiù nell' Alabama, in Italia e nel Mondo …

… giusto per questo, quantomeno nel sistema democratico americano nell’Alabama e nella maggioranza degli altri Stati più progressisti e all’avanguardia - cosa irrilevante se accettabili o meno dalle minoranze -, I’autentica “obiezione di coscienza” è anzitutto quella di salvaguardare i diritti dei primi deboli: i nascituri.
… e guarda caso, anche in Alabama, questi sacrosanti diritti non sono stati soltanto negati fino a ieri a “persone” ancora in gestazione, quindi, le più indifese e le più perseguitate, ma addirittura assassinate legalmente da madri snaturate che, a prescindere di quell’effettivo 1 o 2x100% di casi da violenza varia, “sbagliano” al 99x100% con piena consapevolezza e condiscendenza, proprio grazie a quelle inique leggi pro-death o “cultura della morte” che incitano alla criminalità legalizzata.
… cioè, con Leggi atee nazi-comuniste, che furono ampiamente sperimentate con gli storici olocausti in nome della purezza ariana, o con le storiche e sottaciute – sia in Europa dalla Sinistra in generale e sia in Italia dal PCI in particolare - epurazioni di massa staliniste, maoiste, etc e perpetrate contro semplici “obiettori” dei regimi totalitari …

[SM=x44462] [SM=x44461] [SM=x44461] [SM=x44462]
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:22 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com

IperCaforum il forum degli ipercafoni e delle ipercafone