00 1/31/2018 1:55 PM
È morto Azeglio Vicini: l'ex c.t. portò gli azzurri al 3° posto a Italia '90

Il tecnico è mancato ieri a Brescia, arrivò terzo a Italia '90.
In sua memoria verrà osservato un minuto di raccoglimento su tutti in campi,
a partire dalla gara Milan-Lazio di questa sera


È morto ieri sera a Brescia l'ex commissario tecnico della Nazionale italiana Azeglio Vicini. Nato a Cesena, avrebbe compiuto 85 anni il prossimo 20 marzo. È stato il selezionatore azzurro ai Mondiali di Italia 90 ricoprendo tale incarico fino al 1991 prima di passare il testimone ad Arrigo Sacchi.


CARRIERA — Dopo avere militato nel Vicenza (1953-1956) e nella Sampdoria (1956-1963) arrivò al Brescia nel 1963 (tre stagioni in Lombardia) per poi intraprendere la carriera di allenatore. Rimase sulla panchina delle Rondinelle fino al 1968. Dal 1986 e al 1991 in Nazionale, con la quale disputò il Mondiale di Italia 90: avventura terminata al terzo posto dopo la sconfitta in semifinale contro l’Argentina e la vittoria sull'Inghilterra nella finale terzo-quarto posto.

"ITALIANI CONQUISTATI" — E proprio i Mondiali di Italia '90 furono la sua più grande delusione e il maggior rammarico calcistico: "Avremmo meritato di vincerlo, siamo stati sfortunati. Non perdemmo mai sul campo: 6 vittorie e un pari arrivando terzi, l'Argentina fu sconfitta 2 volte e andò in finale con la Germania. Però in quelle notti conquistammo gli italiani, il loro affetto fu travolgente. Infatti la gara contro l'Argentina resta una delle partite più viste in tv di tutti i tempi". Azeglio Vicini lascia la moglie e tre figli.

IN MEMORIA — Per omaggiarlo verrà osservato un minuto di raccoglimento su tutti i campi a partire dalla gara di questa sera di Coppa Italia tra Milan e Lazio e per tutto il prossimo week end.

Gasport

Fonte: Gazzetta dello Sport

_________________