00 7/27/2021 4:00 PM
lo spyware israeliano

Pegasus: lo spyware che sorveglia politici, giornalisti e attivisti dal 2016


 





Un attacco informatico di livello globale avrebbe permesso a governi ed organizzazioni di tutto il mondo di spiare migliaia di personaggi di rilievo, come giornalisti, politici, attivisti e avvocati.


Un’indagine congiunta portata avanti da Forbidden Stories, Amnesty International e oltre 80 giornalisti di 10 Paesi sta svelando i retroscena della gigantesca campagna di spyware portata avanti sin dal 2016 grazie all’uso del tool Pegasus realizzato dall’azienda israeliana NSO Group.


spyware cover copertina sicurezza

Che cos’è Pegasus?


Pegasus è un software di tipo spyware realizzato dall’azienda israeliana NSO Group ed utilizzato per tracciare tutte le attività di uno smartphone, Android o iOS che sia. Viene commercializzato e concesso in licenza ai governi di tutto il mondo.


 

Una volta che ha infettato lo smartphone bersaglio in modo completamente silenzioso e trasparente, può trasformarlo in un dispositivo di sorveglianza 24 ore su 24. Può copiare i messaggi che vengono inviati o ricevuti, raccogliere le foto e registrare le chiamate. Può filmare di nascosto l’obiettivo attraverso le fotocamere o attivare il microfono per registrare le sue conversazioni. Può potenzialmente individuare dove si trova il bersaglio, dov’è stato e chi ha incontrato.


Pegasus è stato portato sotto la luce dei riflettori solamente nel 2019, quando NSO Group avrebbe sfruttato una vulnerabilità WhatsApp per prendere il controllo di centinaia di smartphone in tutto il mondo. Facebook ha ufficialmente sporto denuncia verso l’azienda israeliana negli Stati Uniti per aver aiutato i governi a spiare più di 1400 smartphone.


Secondo quanto conosciuto, lo spyware avrebbe avuto un ruolo importante nella fuga di notizie dallo smartphone di Jeff Bezos che ha portato al suo divorzio e nell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, ma non solo.



Fonte: The Guardian

Pegasus NSO Group attacco