Freeforumzone mobile

Guardrail, una grande vittoria per i motociclisti

  • Posts
  • OFFLINE
    Runningman77
    Post: 7,594
    Registered in: 2/28/2005
    Location: SANTA MARINELLA
    Age: 43
    Gender: Male

    Utente Power +



    10 7/16/2008 7:30 PM

    Bruxelles, 16 giugno 2008.

    Il 13 giugno 2008 i membri del CEN (Comitato Europeo per la Normalizzazione) hanno approvato un documento che impone l’aggiornamento degli standard di sicurezza delle barriere (guardrail), che dovranno quindi tenere conto dei motociclisti, riducendo i rischi di lesioni e di morte. Per la FEMA (Federation of European Motorcyclists’ Associations), che compie 20 anni proprio in questi giorni, non poteva esserci regalo di compleanno più bello!

    A Milano, i componenti della Commissione Tecnica sulle Infrastrutture Stradali (TC226) hanno adottato la risoluzione 319 inserendo un nuovo elemento nel loro “programma per lo sviluppo di uno Standard Europeo che riduca la gravità dell’impatto nelle collisioni di motociclisti con le barriere di sicurezza, considerando gli standard nazionali esistenti e le attuali tecnologie”. In sostanza, una nuova parte (8ª) dovrà essere aggiunta all’attuale norma EN1317. Essa conterrà “disposizioni per la valutazione delle prestazioni delle barriere di sicurezza in caso di impatto di un motociclista che scivola sul fondo stradale”.

    La FEMA – ed in Italia il Coordinamento Motociclisti – ha combattuto per quasi 20 anni perché il problema dei motociclisti che, scivolando sul suolo in seguito ad una caduta, urtano contro le “barriere di sicurezza” o guardrail rimanendo gravemente menomati o uccisi, venisse preso in considerazione. Numerose dimostrazioni e campagne di sensibilizzazione sono state organizzate nel corso degli anni a livello nazionale ed europeo, provocando vari gradi di reazione da parte delle autorità competenti. Molte di esse – tra cui quelle italiane - hanno rifiutato di installare qualunque dispositivo che non fosse strettamente conforme alla norma EN1317, concepita e messa a punto per proteggere ogni categoria di veicoli eccetto le motociclette. Alcuni Paesi, come la Spagna, si sono impegnati nello sviluppo di uno standard proprio,mentre il Portogallo ha reso obbligatoria per legge l’installazione di dispositivi per la protezione dei motociclisti su tutta la rete stradale nazionale.

    Aline Delhaye, Segretaria Generale della FEMA, ha così commentato:”Con la sicurezza stradale al primo posto nell’agenda delle istituzioni, l decisione del CEN rappresenta una chiara indicazione del fatto che le esigenze e le peculiarità dei motociclisti debbono essere prese in considerazione per incrementare la loro sicurezza. Con questa nuova “Parte 8” nella norma EN1317, le autorità responsabili delle strade in tutta Europa non avranno più scuse per non installare dispositivi di protezione, ovunque sia necessario per evitare che i motociclisti possano rimanere menomati o uccisi in seguito all’impatto con le barriere di sicurezza. Questo è un grande riconoscimento per la FEMA nel momento in cui celebra 20 anni di rappresentanza dei motociclisti europei!”

    Secondo il calendario dei lavori del CEN, una bozza del nuovo standard dovrebbe essere pronta per l’anno prossimo ed essere adottata entro ottobre 2010. La FEMA vigilerà perché queste scadenze siano rispettate al massimo.

    ----------------------------------------------------------------

    RISOLUZIONE 319: Sistemi di contenimento stradale – Parte 8: sistemi di contenimento stradale che riducono la gravità dell’impatto a seguito di collisione di un motociclista contro la barriera

    “Scopo di questa nuova parte è lo sviluppo di uno Standard Europeo che riduca la gravità dell’impatto nelle collisioni di motociclisti contro le barriere di sicurezza, considerando gli standard nazionali esistenti e le possibilità dell’attuale tecnologia.

    Questa parte contiene prescrizioni per la valutazione delle prestazioni della barriere di sicurezza in caso di impatto con un motociclista che stia scivolando sul suolo. Al momento copre esclusivamente i guardrail e non gli altri sistemi di ritenzione.

    Inizialmente, verrà presa in considerazione l’ipotesi di un motociclista che, scivolando sul fondo stradale, urta la barriera (perché al momento questa casistica è quella sulla quale si hanno maggiori conoscenze). Altri tipi di impatto e di barriere verranno considerati in una fase successiva.

    La procedura di test risultante dovrà essere letta ed usata insieme con le parti già esistenti della EN1317.

    Essa prescrive procedure di test e criteri di accettabilità aggiuntivi, a fianco ai requisiti obbligatori della EN1317-2, per dimostrare la prestazione del prodotto nell’impatto con il corpo di un motociclista”
    [Edited by Runningman77 7/16/2008 7:32 PM]

    _________________

  • radcla
    00 7/16/2008 10:49 PM
    E' una bella notizia!

    Ancora ricordo, ed è solo un caso tra mille, una ragazza che scivolando con lo scooter, qui a roma un paio di anni fa, rimase "ghigliottinata" nell'impatto con il guard rail.
    Io stesso, la scorsa estate, cadendo dalla bici riportai una brutta ferita al costato, dovuta anche essa all'impatto con le lamiere taglienti del guard rail.
  • Colonnello Kilgore
    00 7/17/2008 12:49 AM
    Re:
    radcla, 16/07/2008 22.49:

    E' una bella notizia!

    Ancora ricordo, ed è solo un caso tra mille, una ragazza che scivolando con lo scooter, qui a roma un paio di anni fa, rimase "ghigliottinata" nell'impatto con il guard rail.
    Io stesso, la scorsa estate, cadendo dalla bici riportai una brutta ferita al costato, dovuta anche essa all'impatto con le lamiere taglienti del guard rail.




    [SM=x44467] [SM=x44467] [SM=x44467] Brr.

    Fortuna che quando son cascato io, son andato a finire contro un morbido (ehm relativamente parlando) terrapieno...
  • OFFLINE
    tc-3
    Post: 3,644
    Registered in: 7/21/2007
    Gender: Male

    Utente Power +



    00 7/17/2008 1:03 AM
    era ora!

    _________________


    --------------------------------------------------------------------------------------------------
    Ero solito portare una pallottola nel taschino, all'altezza del cuore. Un giorno un tizio mi tirò addosso una Bibbia ma la pallottola mi salvò la vita.
  • OFFLINE
    Etrusco
    Post: 80,638
    Registered in: 2/28/2002
    Gender: Male

    AMMINISTRATORE
    PRINCIPALE



    ADMIN
    Monsignore
    IperF1 2008
    IperUTENTE 2010
    Briscola IperCafonica 2012
    00 7/17/2008 1:46 AM
    Finalmente! [SM=x44459]

    [SM=x44520]

    _________________


    Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
  • OFFLINE
    Runningman77
    Post: 7,599
    Registered in: 2/28/2005
    Location: SANTA MARINELLA
    Age: 43
    Gender: Male

    Utente Power +



    00 7/17/2008 8:45 AM
    e pensare che basterebbe così poco

    basterebbe una paratia lunga sino a pochi cm da terra a coprire le maledette barre
    [Edited by Runningman77 7/17/2008 8:46 AM]

    _________________

  • bekerovka
    00 7/17/2008 9:40 AM
    Re:
    Runningman77, 17/07/2008 8.45:

    e pensare che basterebbe così poco

    basterebbe una paratia lunga sino a pochi cm da terra a coprire le maledette barre




    [SM=x44462] Le stanno montando in alcuni tratti sulla carreggiata nord tra Bologna e RE in A1... Speriamo servano...
  • OFFLINE
    Arjuna
    Post: 7,747
    Registered in: 3/10/2005
    Location: PINEROLO
    Age: 47
    Gender: Male

    Utente Power



    00 7/17/2008 11:20 AM

    Una bella notizia. [SM=x44462]

    _________________

    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo.

    (Voltaire)

    ma difendiamo anche la grammatica Italiana





    Sai cosa scrivere? Allora posta!
    Non sai cosa scrivere? Allora spamma!

    <-- IO -->

    I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire, se Pac Man avesse influenzato la nostra generazione ora staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva."
    (Kristian Wilson, Nintendo Inc., 1989)

    Pochi anni dopo nacquero le feste rave, la musica techno e l'ecstasy...

  • OFFLINE
    Runningman77
    Post: 7,600
    Registered in: 2/28/2005
    Location: SANTA MARINELLA
    Age: 43
    Gender: Male

    Utente Power +



    00 7/17/2008 12:36 PM
    Da derapate.it
    Daniel Pedrosa con la bandiera antighigliottinaPubblicato da Poltrix in Catalunya Barcellona, Daniel Pedrosa, MotoGP.
    Martedì, 10 Giugno 2008.




    A Barcellona abbiamo assistito ad una assolo di Daniel Pedrosa, lo spagnolo ha vinto come piace a lui, a suo modo. Pronti via, saluta la compagnia, e se ne va.
    Ma Pedrosa ha fatto qualcosa di grande che va ben oltre la vittoria di un Gran Premio. [SM=x44462]


    Era a casa sua, ha vinto con autorità e si è affermato come il più probabile antagonista di Rossi per il titolo, nel giro d’onore avrebbe potuto festeggiare in mille modi, invece ha preso la bandiera, non quella spagnola ma una bandiera che denuncia e ricorda la mattanza dei motociclisti a causa dei guard rail, vere e proprie ghigliottine di motociclisti, odiosi perché sebbene la denuncia di tali apparati è in auge da anni, anche nel nostro paese, le istituzioni continuano imperterrite nel portare avanti la loro opera di morte e di mutilati.
    In Francia dove la categoria dei motard ha un rilevante peso politico, la sostituzione degli stessi è in atto da anni ormai e in via di completamento, ma nel resto d’Europa in Italia in primis come detto, si è ben lontani dalla sostituzione dei guard rail, con altri apparati sicuramente più appropriati.
    Pedrosa ha fatto della sua grande vittoria una vittoria intelligente e, c’è da credere, troverà moltissimi estimatori in chi la moto la usa e rischia per davvero.

    Ora c’è da sperare che l’esempio sia seguito anche da altri piloti, magari nostrani, magari proprio da quelli che hanno una visibilità vastissima, al di fuori dei siparietti inutili e dalle livree di moto in onore al calcio.

    _________________

  • OFFLINE
    vassant69
    Post: 270
    Registered in: 2/8/2008
    Location: ROMA
    Age: 51
    Gender: Male


    00 7/17/2008 12:47 PM
    Re:
    Runningman77, 17/07/2008 12.36:


    .................
    .................
    Ora c’è da sperare che l’esempio sia seguito anche da altri piloti, magari nostrani, magari proprio da quelli che hanno una visibilità vastissima, al di fuori dei siparietti inutili e dalle livree di moto in onore al calcio.




    ...ed ecco che anche per le cose serie si pensa a infilare la polemica tendenziosa..... [SM=x44463]

    Per il resto sono contento, così andare in moto sarà più sicuro e non una roulette russa, che già ci sono troppi automobilisti criminali in giro!!!



    _________________

    Dedicato al nostro vicerè

    http://it.youtube.com/watch?v=RcBTqu7B8pA
  • OFFLINE
    Etrusco
    Post: 80,662
    Registered in: 2/28/2002
    Gender: Male

    AMMINISTRATORE
    PRINCIPALE



    ADMIN
    Monsignore
    IperF1 2008
    IperUTENTE 2010
    Briscola IperCafonica 2012
    00 7/17/2008 12:50 PM
    Re:
    Runningman77, 17/07/2008 12.36:

    Da derapate.it

    Ora c’è da sperare che l’esempio sia seguito anche da altri piloti, magari nostrani, magari proprio da quelli che hanno una visibilità vastissima, al di fuori dei siparietti inutili e dalle livree di moto in onore al calcio.





    Ci sarebbe da fare un censimento autorevole di tutti i motociclisti e tutti gli altri a cui sta a cuore seriamente questa causa
    per iniziare a far pressione sui politici, soprattutto in fase pre-elettorale (quindi se ne riparlerà tra 3-4 anni [SM=x44465] )

    A meno che non piova dall'UE qualche direttiva particolare che ci costringa a prender subito provvedimenti [SM=x44461]

    _________________


    Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
  • OFFLINE
    Etrusco
    Post: 191,314
    Registered in: 2/28/2002
    Gender: Male

    AMMINISTRATORE
    PRINCIPALE



    ADMIN
    Monsignore
    IperF1 2008
    IperUTENTE 2010
    Briscola IperCafonica 2012
    10 5/11/2019 10:21 AM


    Entrerà a breve in vigore il decreto “salva motociclisti”
    che rende obbligatoria l’installazione sulla rete stradale italiana degli appositi guardrail per moto.
    Ecco tutte le novità

    Una piccola vittoria per Dueruote (che per mesi ha insistito sull’argomento, con inchieste e aggiornamenti), una grande vittoria per i motociclisti. È stato registrato alla Corte dei Conti ed entrerà quindi a breve in vigore il decreto cosiddetto “salva motociclisti”, approntato e fortemente voluto dal Mit per tutelare questa tipologia di utenza vulnerabile della strada.

     

    Il decreto rende obbligatoria l’installazione sulla rete stradale italiana di appositi Dispositivi Salva Motociclisti (DSM) che, per le loro specifiche tecniche, puntano a mitigare gli effetti dell’urto di una moto e di un motociclista sul guardrail. Una norma importantissima in un Paese, come è l’Italia, che ha il primato in Europa per tasso di motorizzazione di veicoli a due ruote.

     

    Cosa prevede il decreto

    In particolare il decreto prevede l’obbligo di installare guardrail moto  su:
    tutte le curve circolari caratterizzate da un raggio minore di 250 metri nei casi di interventi di nuova costruzione,
    di adeguamento di tratti stradali esistenti che comportano varianti di tracciato e/o rinnovo delle barriere di sicurezza stradali su tratti significativi,
    oppure su strade esistenti non soggette ad interventi, ma dove siano avvenuti nel triennio almeno 5 incidenti con morti e/o feriti,
    che abbiano visto il coinvolgimento di motoveicoli e/o ciclomotori.

     

    Si tratta di un decreto, approntato già dallo scorso ottobre dal Ministro Danilo Toninelli e dal sottosegretario Michele Dell’Orco, che fa dell’Italia uno dei pochissimi Paesi europei ad adottare specifici guardrail moto (assieme alla Spagna) per l’incolumità di scooteristi e motociclisti.


    Fonte: DueRuote, articolo di Marco Gentili il 10/05/2019 in Attualità


    _________________


    Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.