Ipercaforum [center][b]Il forum degli ipercafoni e delle ipercafone: per l'italiano medio e l'italiana standard[/b][/center]

Addio al "papà" di Montalbano, è morto stamane a Roma lo scrittore Andrea Camilleri

  • Posts
  • OFFLINE
    binariomorto
    Post: 2,965
    Registered in: 7/31/2007
    Gender: Male

    Utente Power



    00 7/17/2019 12:53 PM
    È morto Andrea Camilleri, papà di Montalbano,
    scrittore e maestro nato per raccontare storie




    Il grande scrittore siciliano, autore della fortunata serie di romanzi sul commissario di Vigata, è morto oggi a 93 anni.
    Dai romanzi al teatro fino alle prese di posizione sulla politica, l'Italia piange uno dei suoi più grandi autori contemporanei


    STEFANIA PARMEGGIANI


    E' morto Andrea Camilleri. "Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio cunto passare tra il pubblico con la coppola in mano". Così rispondeva Andrea Camilleri a chi gli chiedeva come mai a 93 anni non si fosse ancora deciso ad andare in pensione, come mai nonostante gli occhi che da tempo si erano spenti, continuasse a impastare realtà e fantasia in quella sua lingua eccezionale, il vigatese, che non aveva alcun corrispettivo nella realtà ma che finiva per essere più concreta che mai. Non si può smettere di fare ciò per cui si è nati. E il Maestro siciliano, morto stamattina a Roma, era nato per raccontare storie.

    Lo faceva a dispetto degli anni e della malattia, lasciandosi guidare sulla pagina bianca dalla sua fedele assistente, Valentina Alferj, depositaria della lingua e dei segreti di Montalbano. Lo faceva salendo sul palcoscenico del Teatro Greco di Siracusa per impersonare Tiresia, l'indovino tebano cieco che compare già nell'Odissea per indicare a Ulisse la via del ritorno. Un personaggio scelto per affinità elettive, cieco eppure in grado di fare luce con le proprie parole. Lo faceva anche in questi ultimi giorni, mentre preparava il suo debutto alle antiche Terme di Caracalla, con lo spettacolo Autodifesa di Caino. E lo faceva, soprattutto, dando corpi e misteri in pasto a Salvo Montalbano, il personaggio che ha accompagnato i suoi ultimi 25 anni di vita.


    Rep: “La felicità è nelle cose ridicole”
    Rep: “Ora sono cieco e tutto mi è chiaro”
    Rep: “In questo mondo vincono le donne”
    La scheda Le tappe della sua vita di LARA CRINO'
    Lasciate il vostro ricordo
    Il Venerdì L'ultima intervista: "I criminali sono stupidi"
    Rep: Montalbano, il commissario del mondo perfetto
    Rep: Camilleri: "C’è un brutto consenso per le tesi estremiste di Salvini: mi ricorda il 1937"
    Camilleri e lo strano caso delle ceneri di Pirandello
    Camilleri e lo strano caso delle ceneri di Pirandello
    Camilleri:
    Camilleri: "Sono felice. Non ho paura di morire. Il ricordo più bello? Il giorno del mio matrimonio"
    Camilleri:
    Camilleri: "A 90 anni non mi sento vecchio, ma più libero internamente"
    Camilleri:
    Camilleri: "Non ci vedo più, ma i miei sogni sono a colori"
    successivo
    E' morto Andrea Camilleri. "Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio cunto passare tra il pubblico con la coppola in mano". Così rispondeva Andrea Camilleri a chi gli chiedeva come mai a 93 anni non si fosse ancora deciso ad andare in pensione, come mai nonostante gli occhi che da tempo si erano spenti, continuasse a impastare realtà e fantasia in quella sua lingua eccezionale, il vigatese, che non aveva alcun corrispettivo nella realtà ma che finiva per essere più concreta che mai. Non si può smettere di fare ciò per cui si è nati. E il Maestro siciliano, morto stamattina a Roma, era nato per raccontare storie.

    Lo faceva a dispetto degli anni e della malattia, lasciandosi guidare sulla pagina bianca dalla sua fedele assistente, Valentina Alferj, depositaria della lingua e dei segreti di Montalbano. Lo faceva salendo sul palcoscenico del Teatro Greco di Siracusa per impersonare Tiresia, l'indovino tebano cieco che compare già nell'Odissea per indicare a Ulisse la via del ritorno. Un personaggio scelto per affinità elettive, cieco eppure in grado di fare luce con le proprie parole. Lo faceva anche in questi ultimi giorni, mentre preparava il suo debutto alle antiche Terme di Caracalla, con lo spettacolo Autodifesa di Caino. E lo faceva, soprattutto, dando corpi e misteri in pasto a Salvo Montalbano, il personaggio che ha accompagnato i suoi ultimi 25 anni di vita.

    People
    Addio Camilleri, maestro di ironia e sensibilità: per sempre giovane nel cuore dell'Italia
    di SILVIA FUMAROLA
    Camilleri: "Sono felice. Non ho paura di morire. Il ricordo più bello? Il giorno del mio matrimonio"
    Condividi

    Era il '94 quando Sellerio portava in libreria La Forma dell'Acqua, primo romanzo della serie incentrata sulle indagini del commissario siciliano. Romanzo dopo romanzo, ne sono usciti trenta, Montalbano - di cui Camilleri parlerà sempre come se fosse vero e vivente, quasi un suo alter ego - ebbe così tanto successo da spingere nel territorio del giallo anche chi, prima di lui, non aveva alcuna dimestichezza con il genere.

    Ospite fisse del vertice delle classifiche librarie, deve il suo nome allo scrittore spagnolo Manuel Vazquez Montalban che di Camilleri fu grande amico e la sua longevità a Elvira Sellerio: avrebbe dovuto terminare la sua carriera con il secondo romanzo, Il cane di terracotta, ma l'editrice richiamò lo scrittore per chiedergli quando sarebbe arrivato il terzo libro. Lui rispose mai, lei oppose il resoconto delle vendite. Fortunatamente per i lettori, l'ebbe vinta Sellerio e Camilleri continuò a scrivere. Conservò intatta la sua passione per le indagini mnemoniche, ma cambiò le carte in tavola, introducendo nuovi personaggi e iniziando a sporcare le storie con la realtà: il G8 di Genova, l'immigrazione, la corruzione sugli appalti pubblici... Ben poche miserie umane e italiane sono rimaste estranee alle indagini di Montalbano così come, un romanzo dopo l'altro fino a Il cuoco dell'Alcyon, uscito il 30 maggio e già in testa alle classifiche, si fece strada la paura della vecchiaia. Il commissario, appena cinquantenne, iniziò a interrogarsi sul mondo che lo circondava: era ancora in grado di comprenderlo? E fino a quando?

    Dubbi che Camilleri ha condiviso con il suo personaggio, in una dialettica tra vita letteraria e reale che ha pochi uguali nella storia del giallo. Camilleri si interrogava sull'Italia e rispondeva senza sottrarsi ai temi politici più scottanti. Recentemente aveva criticato Matteo Salvini per il suo comizio con il rosario, sollevando uno scandalo tra quanti vorrebbero che uno scrittore si limitasse ai suoi romanzi, ma confermando quello che i suoi lettori sanno da sempre: il maestro scriveva e diceva solo ciò che pensava.

    A testimoniarlo nella sua lunga bibliografia, anche un bellissimo libro-confessione affidato a Saverio Lodato - La linea della Palma - in cui si abbandonava ai ricordi di una vita, dalla Sicilia durante il regime fascista alla Liberazione, dall'impegno come militante del Pci all'opposizione morale a Silvio Berlusconi, dalla mafia - che ammetteva di tenere ai margini dei gialli per non eleggerla ad arte - ai problemi della giustizia.

    Parlava anche dei suoi difficili esordi come uomo di spettacolo: prima aiuto-regista di Orazio Costa dopo un turbolento apprendistato all'Accademia d' arte drammatica a Roma, e in seguito regista in proprio, oltre che per trent'anni funzionario Rai addetto alla prosa radiofonica e produttore in televisione di pièces teatrali.

    Quando parlava della sua vecchiaia, pur sottolineando le difficoltà di un corpo che non rispondeva più alla velocità della mente, non si lasciava mai andare a rimpianti o paure. Appariva sereno, la voce arrocchita dalle migliaia di sigarette fumate, i ricordi dell'infanzia nitidi davanti agli occhi. La chiamava presbiopia della memoria, diceva che con la vecchiaia l'infanzia precipitava addosso. Ricordava la grande casa dei nonni a Porto Empedocle, la solitudine di un bambino che cresceva coltivando un talento da affabulatore, il gusto per il dettaglio, l'attenzione al particolare. Caratteristiche che da adulto porterà nella sua professione - sceneggiatore, regista e drammaturgo, ben prima che giallista.

    La sua carriera da scrittore iniziò infatti in sordina, con la pubblicazione de ll corso delle cose nel 1978 e continuò in tutti questi anni alternando ai romanzi storici, tra cui il formidabile Birraio di Preston, i gialli di Montalbano. Continuerà anche domani: c'è un altro Montalbano in attesa di essere pubblicato. Andrea Camilleri lo scrisse anni fa e lo consegnò a Sellerio perché lo conservasse in cassaforte con l'obbligo di pubblicarlo solo dopo la sua morte. L'uscita di scena del commissario, il suo addio definitivo alla vita letteraria, non avverrà con un colpo di pistola e neppure davanti all'altare, con buona pace di chi aspetta da un quarto di secolo che convoli a nozze con Livia.

    Montalbano ci lascerà nel momento in cui comincerà a pensare al suo doppio, cioè a Luca Zingaretti l'attore che in vent'anni ha portato le sue indagini davanti a più di un miliardo di spettatori. Come questo avverrà è tutto da leggere. Nell'attesa non ci resta che ringraziare Camilleri per il suo ultimo colpo di teatro, il regalo di un uomo che ha sempre vissuto come voleva, circondato dalle parole. E che se ne è andato così come sognava: raccontandoci storie.

    Fonte: Repubblica

    _________________

  • OFFLINE
    Orchidea
    Post: 727
    Registered in: 4/8/2013
    Gender: Female

    Utente Power +



    00 7/17/2019 2:39 PM
    RIP [SM=x44466]

    _________________



  • OFFLINE
    Etrusco
    Post: 191,997
    Registered in: 2/28/2002
    Gender: Male

    AMMINISTRATORE
    PRINCIPALE



    ADMIN
    Monsignore
    IperF1 2008
    IperUTENTE 2010
    Briscola IperCafonica 2012
    00 7/17/2019 4:42 PM
    Rip [SM=x44471]


    Ho avuto modo di apprezzare i suoi lavori già molti anni fa, poi quando in seguito ho ascoltato le sue interviste, ho avuto modo di conoscerlo e stimarlo ancora meglio, una persona umile, ma con grandi capacità letterarie, artistiche, linguistiche e soprattutto umane.

    _________________


    Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
  • OFFLINE
    pliskiss
    Post: 16,355
    Registered in: 8/3/2014
    Location: MONZA
    Age: 56
    Gender: Male

    STAFF IPERCAFORUM



    Vincitore del Concorso:
    Iper Spettegules 2015
    IperUtente 2015
    00 7/17/2019 8:59 PM
    Rip [SM=x44452]

    beato lui 93 anni e fumava pure

    se abitava a Milano moriva a 70 anni

    A volte però mi sembra che quello che dice questa gente è Bibbia

    da come ne parlano sembrava un Santone

    I punti di vista di questi contano, i tuoi perché non sei uno scrittore non contano un cazzo
  • OFFLINE
    Etrusco
    Post: 192,013
    Registered in: 2/28/2002
    Gender: Male

    AMMINISTRATORE
    PRINCIPALE



    ADMIN
    Monsignore
    IperF1 2008
    IperUTENTE 2010
    Briscola IperCafonica 2012
    00 7/18/2019 12:14 AM
    Re:
    pliskiss, 17/07/2019 20.59:



    A volte però mi sembra che quello che dice questa gente è Bibbia

    da come ne parlano sembrava un Santone

    I punti di vista di questi contano, i tuoi perché non sei uno scrittore non contano un cazzo




    Beh, a parte che lui ha avuto una carriera di tutto rispetto, ha scritto centinaia di libri e ricevuto riconoscimenti internazinali molto importanti....
    quello che incide molto è anche la forma con cui comunichi il tuo pensiero.

    Lui comunque ha sempre rifiutato gli elogi con grande umiltà, non si sentiva all'altezza di altri scrittori...

    _________________


    Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
  • OFFLINE
    pliskiss
    Post: 16,361
    Registered in: 8/3/2014
    Location: MONZA
    Age: 56
    Gender: Male

    STAFF IPERCAFORUM



    Vincitore del Concorso:
    Iper Spettegules 2015
    IperUtente 2015
    00 7/18/2019 12:52 AM
    Re: Re:
    Etrusco, 18/07/2019 00.14:




    Beh, a parte che lui ha avuto una carriera di tutto rispetto, ha scritto centinaia di libri e ricevuto riconoscimenti internazinali molto importanti....
    quello che incide molto è anche la forma con cui comunichi il tuo pensiero.

    Lui comunque ha sempre rifiutato gli elogi con grande umiltà, non si sentiva all'altezza di altri scrittori...




    Etrù centinaia di libri?


    e io che in 5 anni ho scritto 25.000 post di qualità nei forum chi cazzo sono ??

    Io ho scritto la Verità mica messaggi di paesaggi e atmosfere tipiche della Sicilia

    Verità e contestazione, ho pure un pelino imparato a scrivere che agli inizi mi davano dello Zulù

    Io sono vero scrittore cresciuto dal nulla

    e quando ricomincerò a scrivere i miei diari libri in sospeso tanti scrittori me lo potranno sucare [SM=x44451]


    their non ti intromettere [SM=x44451]

    [Edited by pliskiss 7/18/2019 12:53 AM]